Skip to main content
La Pianta che Prega

MARANTA LEUCONEURA


La Maranta Leuconeura è originaria della foresta amazzonica e campa di umidità. Toglietele tutto, ma non l’umidità. Il su è giù delle sue foglie risponde a questo suo mantra.

Introduzione

Vi è mai capitato di scambiare una pianta vera per una pianta finta? Occhio eh, non c’è niente di male, avessi detto il contrario…se ci pensate bene, c’è una famiglia di piante nella quale ogni varietà fa a gara con l’altra per sembrare più finta. Sto parlando delle Marantacee, naturalmente. Della famiglia fanno parte le Calathee, sicuramente, ma il nome vi suggerisce la pianta di cui si parla in questo articolo: la Maranta Leuconeura. La Maranta Leuconeura, come detto, può sembrare finta la prima volta che la si incrocia con lo sguardo. Poi però, sin dalla prima giornata che si passa in sua compagnia, ci si accorge che in realtà è una pianta vera, viva, più di tutte le altre: al calar del sole, le foglie vengono su, quasi a pregare per l’arrivo di un nuovo giorno. È per questo che la Maranta Leuconeura viene anche chiamata “Pianta della Preghiera”.


Descrizione e Varietà

Bella la storia delle foglie che si alzano in preghiera, vero? Già, ma perché succede? La Maranta Leuconeura è originaria della foresta amazzonica e campa di umidità. Toglietele tutto, ma non l’umidità. Il su è giù delle sue foglie risponde a questo suo mantra. La notte, infatti, portando su le foglie, trattiene l’umidità, in modo poi da averne una bella riserva durante il giorno, decisamente più caldo e da affrontare con le foglie giù, pronte a fare la preziosa fotosintesi.
Le varietà di Maranta Leuconeura principalmente note sono due: la Fascinator e la Kerchoveana. La Maranta Leuconeura Kerchoveana ha foglie vellutate, verdine con macchie verde scuro e pagina inferiore di un grigio-azzurro davvero particolare. Carina, sì, ma la Maranta Leuconeura Fascinator…che bella è?! Il nome dice tutto. È impossibile resistere al suo fascino, rispetto alla sua cugina Kerchoveana, la Fascinator è un contrasto di colori accesi: il verde scuro dei lati della foglia, il verde chiaro a zig-zag lungo la nervatura centrale, il fucsia acceso delle singole venature, e il porpora della pagina inferiore delle foglie. Questa esplosione di colori fa della Maranta Leuconeura Fascinator una delle 10 piante più cool da avere in casa. Per completare il discorso, in realtà c’è anche una terza variante, la Maranta Leuconeura Lemon Lime. La metto qui, quasi come appendice, perchè in realtà la Maranta Leuconeura Lemon Lime è quasi una variante della Fascinator: l’unica cosa che cambia è il colore delle venature che partono dal centro della foglia, verde chiaro acceso invece che fucsia. 


Condizioni ideali per tenere una Maranta Leuconeura in casa

La Maranta Leuconeura è fissata con l’umidità. Il che vuol dire che, se avete usato un buon mix di terra, fatto di perlite, bark e terriccio, potete innaffiarla come si deve, ogni volta che serve. Attenzione però, non inondate il corpo centrale da dove spuntano le foglie: alla Maranta Leuconeura piace molto prendere l’acqua dal sottovaso. Riempitelo e fatela bere per una mezz’oretta. Dopodichè rimettetela all’asciutto, sarà bella contenta dopo aver assorbito per bene tutta l’acqua che le serve. Usate un sottovaso, appunto, per l’operazione, o una bacinella; il suo sottovaso tenetelo sempre colmo di argilla espansa bagnata. Servirà per tenere il livello di umidità più alto, soprattutto d’estate e in inverno con i riscaldamenti a palla. È importante tenere il terreno sempre sufficientemente umido, sempre per il discorso umidità (lo so, sono ripetitivo). Capitolo LUCE: ci deve essere, indiretta e moderatamente abbondante. In particolare la luce incide sui colori delle nuove foglie: una luce più intensa farà nascere foglie con più verde scuro; una luce poco intensa porterà a foglie con molto più verde chiaro e poco verde scuro. Dappertutto si dice che la temperatura ideale per la crescita sia di 18-21 gradi. Vero, ma con qualche grado in più non succede nulla. Certo, sopra i 25 gradi la maranta, come avviene anche a molte altre piante, potrebbe arrestare la crescita, a meno che non decidiate di mantenere le sue radice costantemente idratate con un bel conetto auto-irrigante (in questo articolo qualche dettaglio in più) Per il resto, un bel concime liquido per piante verdi e la crescita della vostra piantina di Maranta Leuconeura è assicurata.


Possibili problemi

Il problema principale nel quale può incappare la Maranta Leuconeura, neanche a dirlo, è la troppa poca umidità! Meno umidità significa crescita stentata, nuove foglie che ci mettono un secolo ad aprirsi e soprattutto, margini fogliari secchi. E questo è un vero peccato, considerato la bellezza delle sue foglie. Dovete tenere alta l’umidità, c’è poco da fare! Oltre ad usare il metodo dell’argilla espansa bagnata nel sottovaso, potete pensare a metodi integrativi, come ad esempio la nebulizzazione delle foglie. Se nebulizzerete ogni tanto la chioma della vostra Maranta Leuconeura con acqua (distillata naturalmente), farete prevenzione contro un altro grande nemico della Maranta Leuconeura: il ragnetto rosso. Se ve lo ritrovate ormai infestante della vostra bellissima Maranta, qui c’è qualche possibile soluzione. Le foglie eventualmente compromesse, tagliatele senza indugio, vedrete che ne spunteranno di nuove dalla base rizomatosa che si trova sottoterra, se la vostra Maranta ritrova il giusto equilibrio.


Propagazione Maranta Leuconeura

Propagare una Maranta Leuconeura è semplice e giova alla pianta madre. La o le talee che preleverete in primavera, stimoleranno infatti la crescita di nuovi getti dal rizoma. Affinché le talee abbiano un radicamento di successo, è necessario che siano dotate di 3 o 4 foglie, il giusto per assorbire energie, in attesa delle radici. Meglio collocarle direttamente in acqua o in semi-idroponica, i risultati saranno assicurati, dopo qualche settimana di pazienza.


Considerazioni Finali

La Maranta Leuconeura (Fascinator e Lemon Lime, avrete capito che sono le mie preferite) è una piantina che sembra uscita dal mondo delle fiabe. Metterne una in casa o, perché no, più di una, darà colore e “movimento” all’ambiente. E quando i vostri amici si saranno resi conto che quella piantina non è finta, ma che invece è una pianta vera, vi PREGHERANNO per averne una talea da portare a casa!


  • Livello difficoltà

    Medio

  • Illuminazione

    Luce indiretta media

  • Irrigazione

    Un terzo terreno asciutto

  • Livello Umidità

    Alto

  • Ritmo Crescita

    Veloce

Piante, Piante e ancora Piante

Simile a

Anthurium

Foglie dal Pattern Unico

Calathea

Foglie dalle Trame Irresistibili

Scindapsus Pictus

Foglie Screziate d’Argento

Leggi anche

Aloe

Una pianta dai poteri curativi

Limone

Profumo d’Oriente e di Mediterraneo

Novità in Caffè Tropicale

Le 10 Piante da Interno più Cool

Stephania Erecta, Calathea Orbifolia, Alocasia Zebrina: eccovi la lista delle 10 piante più cool che si possano avere in casa, almeno per quest’anno!

Le 5 piante più Facili da Tenere in Casa

“Non Esistono Pollici Neri” è il motto di pianteincasa.com e uno dei modi che avete per provare a voi stessi questa incontrovertibile verità è comprare una pianta facile da mantenere e mettervi alla prova. Il primo passo è leggere questo articolo fino in fondo.